Convegno “Cavità di origine antropica, modalità d’indagine, aspetti di catalogazione, analisi della pericolosità, monitoraggio e valorizzazione”

Convegno “Cavità di origine antropica, modalità d’indagine, aspetti di catalogazione, analisi della pericolosità, monitoraggio e valorizzazione”

La SIGEA – Società Italiana di Geologia Ambientale, in collaborazione con il Consiglio Nazionale dei Geologi, ha organizzato a Roma per il 1° dicembre 2017 un convegno dal titolo “Cavità di origine antropica, modalità d’indagine, aspetti di catalogazione, analisi della pericolosità, monitoraggio e valorizzazione”.

L’evento è stato strutturato in quattro sessioni orali e poster:

  • censimento e catalogazione delle cavità;
  • analisi della pericolosità geomorfologica;
  • tecniche e procedure di monitoraggio e consolidamento;
  • valorizzazione e fruizione.

Le cavità sotterranee antropiche suscitano notevole interesse sia dal punto di vista della ricerca scientifica sia da parte delle amministrazioni locali e statali a causa dei dissesti indotti dai fenomeni di sprofondamento, dai collassi improvvisi di calotte, pilastri o setti di roccia, ma il loro interesse è anche storico e culturale grazie a politiche di valorizzazione che potrebbero comportare positive ricadute socio-economiche sulle popolazioni locali. Infatti, alcune cavità sono fortemente inserite nel tessuto del territorio per l’interesse culturale, storico, paesaggistico e turistico che suscitano. Molte di esse sono aperte al pubblico per scopi turistici o religiosi (chiese rupestri, santuari, catacombe, frantoi ipogei, rifugi bellici e cantine).

Il convegno vuole offrire le possibilità agli addetti ai lavori di confrontarsi su alcuni importanti aspetti legati alle cavità sotterranee di origine antropica: raccogliere le nuove ricerche e le procedure aggiornate di censimento e valutazione offrendo nel contempo ai professionisti che si interfacciano con gli Enti pubblici ogni informazione utile per la messa in sicurezza del territorio e per una valorizzazione consapevole del patrimonio storico-culturale.

La partecipazione al Convegno è gratuita, mentre è obbligatoria l’iscrizione tramite il sito web dedicato www.convegnoipogei2017.it

Gli interessati a presentare contributi devono compilare l’apposita sezione dedicata, specificando la sessione a cui desiderano partecipare, indicando il titolo del contributo, gli autori, specificando se intendono presentare una relazione orale o un poster. La scadenza per la presentazione dei riassunti/ abstract precedentemente fissata al 31 agosto 2017 è stata prorogata al 15 settembre 2017 .

In base alle richieste pervenute il comitato organizzatore, con il supporto del Comitato Scientifico, definirà il programma delle relazioni orali e della sessione poster.

Gli atti del convegno saranno pubblicati come supplemento digitale alla rivista Geologia dell’Ambiente (ISSN 1591-5352) e saranno scaricabili gratuitamente all’indirizzo http://www.sigeaweb.it/2012-07-23-20-10-41/supplementi-a-gda.html

I riassunti, da sottomettere entro il 15 settembre 2017, dovranno essere redatti secondo le indicazioni scaricabili online (http://www.sigeaweb.it/documenti/istruzioni-rivista.pdf) e non potranno superare il limite massimo di una pagina.

La locandina in formato pdf