La Terra vista da un professionista: a scuola con il Geologo

La Terra vista da un professionista: a scuola con il Geologo

Il 16 novembre 2018 si svolgerà la II edizione della giornata dedicata all’informazione ed alla prevenzione, rivolta agli studenti, denominata “La Terra vista da un professionista: a scuola con il Geologo”.

Già lo scorso anno, il 20 ottobre i Geologi sono entrati in circa 300 scuole italiane per trasferire agli studenti la cultura geologica e di protezione civile.

Obiettivi:
diffusione della cultura geologica quale elemento necessario per la salvaguardia del territorio e dell’ambiente;
divulgazione scientifica per una maggiore consapevolezza dei rischi naturali, informazione sui corretti comportamenti per una popolazione consapevole e resiliente;
divulgazione del Sistema di protezione civile all’interno del quale convergono anche i cittadini.

Verrà creata una mappa con il nome e la localizzazione dell’Istituito scolastico (Fig. 1).

Ai geologi verrà fornito del materiale didattico di base, che verrà poi adattato ed arricchito in base alle criticità specifiche del territorio di intervento.

La mattinata nelle scuole sarà così articolata:
– gli insegnanti accompagneranno gli studenti di più classi nell’aula magna o nella palestra (in media circa 200 / 250 studenti);
– i geologi si presenteranno, spiegheranno il motivo della loro presenza nella scuola illustrando sinteticamente il progetto che coinvolge altre scuole e, quindi, migliaia di studenti italiani.

Tematiche da affrontare:
– Il ruolo del geologo nella pianificazione, nella progettazione, ecc.;
– Definizione di pericolosità e rischio; i rischi naturali; il Sistema della protezione civile;
– I corretti comportamenti in caso di calamità naturali;

Verranno illustrati esposti i rischi naturali specifici del territorio, anche con l’ausilio del PAI, PSDA, studi di MS.

Verrà lasciato, infine, ampio spazio al dibattito ed alle domande degli studenti e degli insegnanti.

Scarica la Locandina dell’evento


Argomenti correlati:


Stampa:

Invito alla conferenza stampa del 16 novembre 2018